05 febbraio 2010

speranze infuocate dall'avidità

mi sento annegare
risucchiato in fondali
privi dell'aria
che agogno

ma di sete
ugualmente
grida
ogni mia cellula

perché non è ossigeno
né acqua
ma amore
ciò che bramo